Netflix fa centro con Daredevil, ed è subito seconda stagione

Conoscete Hell’s Kitchen?

No, non quella di Gordon Ramsay, quella protetta dal nostro nuovo eroino della Marvel, Matt Murdock.

Non conoscete neanche Matt Murdock? Ok facciamo un passo indietro.

Probabilmente ricordate Daredevil film Marvel del 2003 dove come portagonista incontriamo Ben Affleck, al fianco di Jennifer Garner, Colin Farrell e Michael Clarke Duncan, sì quello che ad oggi si ricorda come uno dei più brutti di sempre.

Visto il flop dell’epoca, ecco quì la necessità, visto il momento propizio per la Marvel di redimere uno dei suoi Super eroi, un po meno super un pò più eroe. Netflix si fa avanti e idea un piano interessante per 4 serie dislocate tra di loro e ambientate all’interno del Marvel Cinematic Universe (MCU), che poi si andranno ad unire in una grande seire dedicata ai Defenders.

image

Daredevil, serie sviluppata da Drew Goddard e prodotta da Steven S. DeKnight è la prima ad uscire e sarà seguita da Jessica Jones, Iron Fist e Luke Cage, per poi passare tutti insieme al crossover con The Defenders.

imageNetflix, che rilascia tutti gli episodi in una sola volta, mi aveva già convino con Marco Polo, il problema però è che una puntata tira l’altra e sei costretto anche non volendo a fare binge watching, ovvero vedere tutte le puntata in una sola volta, per e poi rimanerne a secco e maledicendoti, il problema è doppio se sai che non è in previsione una stagione 2.

Ma fermi tutti! Il problema stavolta si è fatto più grave del previsto, la sete di Daredevil ha contagiato in troppi, di conseguenza il piano è ritorto contro la rete (Netflix), perchè il progetto funziona, e già dalla presentazione del primo personaggio fa il botto, diventa così impossibile rispettare il piano ed entra in programma una seconda stagione.

Era impossibile non farla, ci si affeziona ai personaggi, e all’idea di rivederli tra 5 anni prende un colpo, ad avvalorarne le motivazioni, le molte le storyline lasciate aperte.image Perchè fondamentalmente in questi 13 episodi tutti d’un fiato, senza nessun filler aggiungerei, è stato dato appena un assaggio, la serie finisce proprio nel momento in cui inizia ad esistere Daredevil, infatti più che Daredevil questa andrebbe chiamata Il Diavolo di Hell’s Kitchen, perchè è così che ci riferiamo a Mat durante tutta la stagione.

Ad interpretare il nostro eroe è Charlie Cox, (visto precedentemente in Stardust e Boardwalk Empire) che soffia il posto a Micheal C. Hall (Dexter), io non ero assolutamente convinta di questa scelta, Charlie non mi ha mai convinto a pieno, mi sono resa conto poi che invece era perfetto per la parte (anche credibile come non vedente) e una volta tanto diciamo addio agli uomoni grossi e gonfiati e li sostiuiamo con un ragazzo con un fisico normale, con tutto al posto giusto ma senza esagerazioni, anzi a tratti risulta anche mingherlino.

image
Il personaggio di Matt Murdock è esplorato alla perfezione, nella sua doppia vita di avvocato di giorno e vigilante di notte, vediamo tutta la frustrazione, le debolezze, le paure che può avere un ragazzo alla ricerca della sua strada, e che una volta trovata deve avere il coraggio di percorrerla, un ragazzo umano che fa anche scelte sbagliate e che prende tante di quelle botte in ogni puntata che dopo un pò ti fa pure pena.

Ma non è il solo protagonista della serie, vicino a tutti gli altri personaggi della storia c’è lui, la sua nemesi, Wilson Fisk.

Wilson Fisk aka Kingpin è interpretato da Vincent D’onofrio, una sola parola per descriverlo, perfetto.

In alcune puntate eclissa totalmente il protagonista, portando lo spettatore a volerne sapere di più di questo personaggio così complesso, perchè tutta la trama di questa prima stagione si basa sulla lotta interiore dei 2. Fisk è un salvatore o un oppressore? Bè la differenza inizialmente non è così netta…

image

Vincent fa trasparire tutta la rabbia repressa, il senso di solitudine e la crisi di una persona al bivio, che come Daredevil esce completamente allo scoperto nell’ultima puntata, l’unica infatti dove vediamo il costume rosso di Matt e il completo bianco di Fisk.

Anche le ambientazioni sono degne di nota, toni dark e molte scene al buio, una menzione d’onore anche alla controfigura del nostro uomo mascherato, i 2 si combinano benissimo (come avrete anche notato nel bellissimo piano sequenza della fine della seconda puntata), e ormai è palese, se non fai parkour non sei nessuno.

Essendo parte dell’ MCU non potevano mancare i riferimenti agli Avengers, bellisimi gli scambi e le citazioni, come alcune battute sul martello di Thor e l’armatura di Ironman o la battaglia di New York, ma quello che mi ha più riportato indietro è stata la canzone che si sente durante la routine mattutina di Fisk, musica classica a go go su montagio suddiviso tra i 2 protagonisti, la mia mente non poteva non volare a Stoccarda…Vi dice niente vestito di Armani , sciarpa verde e Opera?

No? Non si può dimenticare la bellissima scena dell’entrata di Loki all’opera di Stoccarda…

Tirando le somme quindi Daredevil ha fatto il suo dovere aprendo quest’altra storyline che tutti noi fa Marvel seguiremo, e ora avanti il prossimo, magari dilazionando le puntate stavolta.

 

Annunci

Un pensiero su “Netflix fa centro con Daredevil, ed è subito seconda stagione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...