The Book of Life, vita in salsa messicana!

Ci sono film che vorresti non aver visto solo per poterli rivedere…Per me questo è il caso di The Book of life.

Sì, a volte torno undicenne e ho ancora voglia di vedere cartoni animati, lascio da parte il mio amore per i film pesantoni, (non che i film Disney siano una passeggiata), vado alla ricerca di qualcosa di diverso e una volta tanto faccio centro!

Avete presente i film Disney o della Pixar? Bene ora dimenticateli! Pensate più ad un’animazione simile alle avventure grafiche della LucasArts (ahhh nostalgia…), sì tipo Monkey Island, stesso tipo di comicità stesso tipo di teschietti, nuvole e ciuffi, ma soprattutto stesso tipo di atmosfere e ambienti ricchi di colori e dettagli.

image
Eppure questa luna mi ricorda qualcosa…

Già è chiaro dai 6 bellissimi poster usciti in occasione della promozione quale sarà il tema principale della storia.

book of life

Con tutti questi teschi, il tema non può che essere la vita oltre la morte…Ma tranquilli, la depressione Disney la mettiamo da parte, l’atmosfera è sempre vitale e festosa, ricordiamoci che il giorno dei morti (giornata in cui si svolgono le avventure) è celebrato in modo diverso in Messico, c’è una vera e propria esaltazione della vita oltre la morte.

Sicuramente la scelta un di un tema simile può essere un pò rischiosa, ma se questo è trattato con intelligenza può dar vita ad film d’animazione unico nel suo genere.

Tengo a precisare che tutto è narrato in modo leggero, ma mai banale e privo di rispetto.

Un film geniale, colorato e colmo di significato, che nonostante le risate strappa anche qualche lacrimuccia… La canzone per il toro su tutte.

image

Certo il primo impatto non è dei migliori, i primi 5 minuti ti inducono a pensare che sarà un cartone come gli altri (non che avessi grandi aspettative), ma poi ti prende di soppiatto e appena vieni catapultato nella storia (la storia nel libro della vita) ti scontri con una cura per i dettagli quasi maniacale, la pienezza di ogni scena è quasi disorientante.

image
Anche queste prospettive mi sono familiari…

Sicuramente un progetto ambizioso, dove la creatività e la fantasia non hanno limiti e a crederci abbiamo nomi di tutto rispetto.

Prodotto da niente di meno che Guillermo del Toro e diretto da Jorge R. Gutierrez, troviamo tra i prestavoce, Channing Tatum, Diego Luna, Ice cube e Zoe Saldana, che purtroppo secondo me, è un pò macchinosa.

image

Realizzato in cgi dai Reel FX Creative Studios, con la produzione della Twentieth Century Animation è un’avventura visivamnte spettacolare.

Ricchezza visiva a gogo, The Book of Life ha qualcosa che nei film di animazione non si era visto prima, o almeno io non avevo visto… E tanti cartoni degli anni passati, all’improvviso fanno la figura dei sempliciotti.

image

Guardate quanti dettagli, dai ghirigori sulla pelle (legno?) dei protagonisti, ai costumi o agli intarsi sul sombrero! Tanti sono i riferimenti alla cultura latinoamericana, dagli elementi iconografici a cui fanno riferimento alla Muerte, alle corride…

Una rivisitazione del libro della vita in chiave messicana, tanto folklore, sombreri, teschi, bandierine, toreri, musica e moustache, quanto mi piace dirlo! Moustache! Un termine così rafficomico…sempre meglio di baffi no? “Mustasc…”

image

Lasciate a casa tutte le tristezze e senso di abbandono e unitevi alla festa, perchè quì si celebra la vita, sempre, il tutto narrato da un’animazione grafica dallo stile unico.

Sant Angel, è la cittadina a cui faremo visita, dove oltre ai miei adorati moustache a gogo, galline e maialini (ma li vedete i cuoricini negli occhi?), troviamo i nostri protagonisti: Maria, Manolo e Joaquin.

Il libro della vita è una storia, o meglio il viaggio che coinvolge tre mondi fantastici, la terra dei vivi, la terra dei ricordati e quella dei dimenticati. Un’avventura che incoraggia a celebrare il passato guardando al futuro, seguire i propri sogni e al valore e al dell’amicizia e della famiglia.

Il film fa il salto dello squalo per quanto mi riguarda, già nella prima metà, consolidandosi con una cover di Creep dei Radiohead (Avere i diritti delle canzoni dei Radiohead non deve essere una passeggiata…), inoltre troviamo anche canzoni dei Mumford & Sons e Us the Duo. 

Ma non non voglio svelarvi troppo, quindi vi lascio il Trailer e mi fermo quì.

Uscito in america a ottobre del 2014, ha ricevuto anche una candidatura ai Golden Globes, in italia arriverà (forse) il 28 Maggio, e se qualcuno viene con me io sono già pronta per una seconda visione!

P.s. la gallina che spara bolle di sapone è la ciliegina sulla torta!

 

Annunci

Un pensiero su “The Book of Life, vita in salsa messicana!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...